Pagina:I sogni.djvu/105

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



16.°

— Vegnarà a casa quel tuo marito
straco finito da la gran sè...





Sul colmo de la festa,
quando se fà più bela
5là baraonda e rugola1
qualche lanterna in tera;

su a San Piero, la tromba
che fa da sentinela,
dà el silensio a San Stefano2
10e al ponte de la Piera,3

e i morosi se mola,4
su i prà de la Bacòla!5

  1. rugola: rotola
  2. San Stefano. — Antico rione popolare sotto il colle di S. Pietro.
  3. Ponte romano-scaligero.
  4. i se mola: si abbandonano
  5. La Bacòla. — Fu così denominato dal Bastione della Bacòla o Baccòla, a ricordo di una porta antichissima ivi esistente, che aveva tal nome, e dalla quale si vuole passasse la strada, che per la schiena dei monti metteva in Germania.
    È luogo oltremodo solitario e pauroso, per antiche tradizioni di brigantaggio e di stregonerie (Vedi La Zamariade di P. Caliari). Tip. della Bacòla.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_sogni.djvu/105&oldid=66748"