Pagina:I sogni.djvu/100

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Sul davanti de la scena,
co i so cògoli1 e i so ani,
la scudela de l'Arena,
16gloria e spasso dei Romani,

bate in alto la gran Ala2
su i palassi de la Brà3
fin che i Cani da la Scala4
20sbaia drento a la çità...!




— Oh, dime un poco, dona lombarda,
vuto che el femo, che el femo morir?

— Oh, dime un poco, filio de un conte,
24come faremo par farlo morir?

  1. cogoli: le arcate esterne dell'Arena, anfiteatro romano (I secolo).
  2. L'Ala dell'Arena è un magnifico, colossale rudero della gran cinta esterna.
  3. La Brà, piazza grandiosa per le moli che la circondano — da Braida-breit-largo è la maggiore della città.
    Tra i palazzi sono notevoli il Municipio, Gran Guardia. E sul Liston i palazzi Vaccari, Brognoligo, Malfatti ecc.
  4. I Cani da la Scala. — Si allude alla dominazione scaligera di Can Grande, Cansignorio, Can Mastino nel senso figurativo per i vari ed insigni monumenti lasciati come le Arche, Castelvecchio ecc.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_sogni.djvu/100&oldid=66743"