Pagina:El Goffredo del Tasso cantà alla barcariola (1693).pdf/27

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


56

Guasco, e Ridolfo no i lasserò in drio,
     Gnanca dò Guidi, tutti valorosi;
     Eberardo ghe xè, e Gernier bel fio,
     Che in valor no i ghe cede a i più famosi,
     Oe, no v'indubitè: l'obligo mio
     El sò, e me l'arrecordo, Siori Sposi;
     Odoardo, e Gildippe unichi in Terra
     Quanto in Amor, tanto fedeli in Guerra.

57

Amor Sassin, cossa no ghastu fatto
     In sto Mondo? Per ti questa è un Soldao,
     Sempre à lai del Mario l'è co sto patto,
     Che un colpo à tutti dò ghe tioga el fiao;
     No gh'è una botta, che no piaga affatto
     El cuor à quel, se à questa el corpo amao;
     E tante volte quel ghà una feria,
     E questa resterà morta sbasìa.

58

Mà frà quanti, che in mostra xè vegnui
     Xè Capurion Rinaldo quel bravazzo,
     Che nol cede à chi ghà i cavei canui
     De cervello si ben, che l'è Puttazzo;
     I so brazzi in valor i è cognossui,
     Che'l ghe ne tiol contra lù solo à mazzo:
     L'è un Diavolo de forza, e de fierezza,
     L'è un Anzolo de grazia, e de bellezza.

59

Sù la Riva de l'Adese so Mare
     La gratiosa Sofia l'hà partorio;
     Bertoldo, homo potente xè so Pare,
     E de lattar à pena el ghà fenio,
     Che Matilda frà le cose più care
     L'hà volesto, e de tutto l'hà istruio;
     Ma co la Guerra l'hà sentio in Levante,
     Anca lù de marchiar l'è stao amante.

60

L'haveva quella volta quindese anni,
     Che l'è scampao senza pensarghe gnente,
     L'hà passao terra, e mar con gran affanni,
     El s'hà missiao co l'altra nostra zente;
     Attion, che senza spaventar malanni
     Refarla doveria ogni Descendente;
     Trè anni xè, che l'è in guerra, e adesso affatto
     Dal Barbuzzo ghe sponta el Pelo Matto.

61

Doppo passada la Cavallaria
     Rimondo de Tolosa vien'in strada,
     Questo xè'l primo della Fantaria,
     I è quattro mille, zente ben'armada;
     Sta so valente, e lesta Compagnia
     Per tutta Lenguadoca el l'hà sunada;
     La Zente è bona, e brava co è la Morte,
     E'l Capitanio xè prudente, e forte.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:El_Goffredo_del_Tasso_cantà_alla_barcariola_(1693).pdf/27&oldid=55794"