Pagina:Delli componimenti diversi di Carlo Goldoni 2.djvu/252

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.

     Come che l'Italian no ghe xe noto,
     La dona prencipiava a sospetar;
     In Franza zelosia no troverè,
     Ma anca in Venezia piccola ghe n'è.

55Quando che l'ha sentio de so Zelenze
     L'eccelso nome, l'alta condizion,
     L'ha fato sette, o otto reverenze,
     E l'ha più volte domandà perdon.
     A tutte l'ha adempio le convenienze,
     Fruto dela Francese educazion,
     I gotti l'ha impenio per tutti tre,
     E s'ha bevù dei Sposi à la santè.

56El prindese ho intonà, come ho savesto,
     Mezzo in Francese, e mezzo in Italian.
     Viva l'illustre glorïoso inesto,
     Ch'Italia onora, e el nome Venezian;
     Che i goda in paese quel piaser onesto,
     Che bramerave ogni fedel Cristian;
     E per contento dele do fameggie,
     Fioli ghe daga cole so someggie.

57Tocchemo, e retocchemo, e po bevemo,
     E po tornemo a retoccar da novo;
     E fina che ghe n'è, se fa el medemo,
     Sichè alegreto un pochetin me trovo.
     Andemo, amici, salto suso, andemo,
     A Venezia, a Venezia, al Mondo novo.
     Po penso, e digo: no, no me convien,
     So, che Venezia no me vol più ben.

58Come? attonito dise el Mazzagati,
     Là no i ve vol più ben? cosa aveu fato?
     No i se arrecorda più dei tempi andati,
     Perchè manco una volta, son ingrato.
     Ma non importa, proverò coi fati,
     Che amo el Paese dove che son nato,
     Dirò sempre, se vivo anca cent'ani:
     Viva Venezia, e viva i Veneziani.

59Me licenzio de là, voggio andar via,
     La bona dona me vol compagnar.
     Dise el Consorte, pien de cortesia:
     Co starò ben, ve vegnirò a trovar;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Delli_componimenti_diversi_di_Carlo_Goldoni_2.djvu/252&oldid=62360"