Pagina:Delli componimenti diversi di Carlo Goldoni 2.djvu/250

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.

     San come un pesce, bello come un zio,
     De facile, e gentil temperamento,
     Bona corporatura, animo forte,
     Fato per far felice una Consorte.

45E questa, che dal Ciel se ghe destina,
     E che fa giubilar tuto el paese,
     Xe una vezzosa amabile Damina
     Zovene, signoril, bella, e cortese.
     Per grazia, tuti do, soma, divina,
     I ha avù l'educazion, che xe palese,
     Merito de do Madri al mondo rare,
     A Venezia per questo ancor più care.

46Benedete le Dame, che ha introdoto
     La bona, la perfeta educazion.
     Cossa, che un tempo, come a tuti è noto,
     Giera andada un pocheto in abandon.
     El bon esempio fa marchiar de troto,
     Giova la virtuosa emulazion,
     E al dì d'ancuo Venezia pol vantar
     Zoventù, che xe degna da imitar.

47La bona, e savia educazion presente
     Le massime no scambia del Governo,
     Ma dela zoventù sveggia la mente,
     L'animo adorna, e regola l'esterno.
     Ghe sarà, no lo nego, l'imprudente,
     El discolo, el vizioso, el malgoverno,
     Ma se i casca del vizio in tela fossa,
     I xe almanco civili, e i sa qualcossa.

48Salta su el Mazzagati: In verità
     Me consolo coi Padri, e con i Fioli.
     In disdotto fameggie semo qua
     Calafai tuti quanti, o Barcarioli,
     Ma se vive con tanta civiltà
     In ste nostre Casete, e i nostri Broli,
     Quanto in corte pol far i Cavalieri,
     E dirò meggio, quanto i Finanzieri.

49Semo tuti al servizio d'un Paron,
     Nostro Re, nostro Padre, e Protetor,
     D'un Re, cusì clemente, e cusì bon,
     Che amemo, e che servimo de bon cuor.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Delli_componimenti_diversi_di_Carlo_Goldoni_2.djvu/250&oldid=62358"