Pagina:Delli componimenti diversi di Carlo Goldoni 2.djvu/122

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Diseghe, in nome d’un so servitor,
     Che conoscendo de non esser bon,
     124Resto pien de vergogna, e de rossor.
E quel, che no faria per sto patron
     (Se el xe quel, che m’immagino, ch’el sia)
     127No faria per nissun, da quel che son. 1
Sior Francesco Pitteri xe andà via,
     Mezo contento, e mezo desgustà,
     130Promettendo de far la parte mia.
Spero, che quel che ho ditto, el ghe dirà;
     Ma per bona memoria in tun fogiazzo 2
     133Tutto quel, che ho resposto, ho registrà.
Voggio poder mostrar mi, poverazzo, 3
     Che no xe stà per sparagnar fadiga;
     136Che quando posso, el mio dover lo fazzo.
E voggio, che se sappia, e che se diga,
     Per sti Sposi novelli el mio rispetto.
     139Prego Dio, che i consola, e benediga
In Chiesa, in Casa, e finalmente in Letto.

  1. Altra maniera di affermare con giuramento d’onore.
  2. In un fogliaccio, in un scartafaccio.
  3. Pover'uomo.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Delli_componimenti_diversi_di_Carlo_Goldoni_2.djvu/122&oldid=62343"