Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/9

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


I PROGETTI DI MATRIMONIO


SONETTO


De maridarme m'è saltà el caprizio;
     Go diversi partii, ma vòi pensar:
     Una vechia farìa da vomitar,
     4La zovene sarìa senza giudizio,

La bela piaserà a Sempronio a Tizio,
     Con una bruta no me vòi tacar,
     Pretenderà una rica comandar,
     8Me manda una pitoca in precipizio,

La nobile sarà superba e altiera,
     Asena l'ordenaria e l'ignorante,
     11E la Dona sapiente una braghiera:

Donca chi ogio da tor tra quele tante
     Che proposte me vien? Questa è la vera:
     14Vòi mandarle in malora tute quante.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/9&oldid=66574"