Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/36

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



9Lugr. Grazia, virtù, belezza e nobiltà
     Le xe cosse che piase e che fa onor;
     Ma per mì ve dirò la verità,
     I bezzi è queli che me sta sul cuor.
     A l'ordene la puta i meterà
     Da par soo, che vol dir con del splendor;
     Se i me tolesse mì per laorar,
     Bona zornada spereria de far.

10Pasq. Certo che se i ve dà la comission
     De proveder i merli che ghe vol,
     Podè chiapar la vostra provision
     Da chi li vende, e po da chi li tol.
     Se dà da intender che gh'è un'ocasion
     De fora via che vantazar se pol.
     I se paga de manco, e quel de più
     Se spartisse da amighe tra de nu.

11Lugr. Me fe' da rider co sti avertimenti.
     No son gonza, sorela, e lo savè.
     Ma via no se perdemo in complimenti.
     Pasq. Aspeto la mia puta. Lugr. Se savè,
     Per le nozze farai do fornimenti?
     Pasq. Certo do fornimenti, e fursi tre.
     Zentilomeni i xe che pol, che sa,
     Che no fa torto a la so nobiltà.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/36&oldid=66780"