Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/15

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Questo (disse il buon uom) questo, paron,
     Xe un laorier che ò fato de matina,
     Per far un puoco de conservazion
     In Parlatorio co la Paroncina.
     Ma perchè go piaser de parer bon
     Voràve che ghe dessi un'ochiadina,
     E co avè visto, che disessi un puoco,
     Se merito del bravo o de l'aloco.


Sì, caro Pasqualin, ben volontieri
     Lo vedrò (gli rispondo), e di buon cuore
     Vi dirò schiettamente i miei pensieri,
     Perchè vorrei che vi faceste onore.
     Prende un fiasco alla mano e due bicchieri,
     E presentami un vin d'aureo colore,
     Dicendo: Questo qua, Paron mio caro,
     Da la tosse el defende e dal cataro.

E vòi che tra de nu sel cocolemo
     Fina l'ultima giozza, e alegramente,
     Da Sanzuane, vòi che se godemo,
     Basta che mia mugier no sapia gnente.
     A la salute del Paron, bevemo:
     Benedeto sto vin dolce e racente.

     Prima ch'i' avessi il mio bicchier vuotato;
     Tutto il fiasco da sè si è tracannato.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/15&oldid=66695"