Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 8.djvu/53

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Ve lo buto per morbin
     100In monea de sto paluo;
Che za in fondo la se spende
     Co l'intrinseco xe bon,
     E xe tuto, per chi intende,
     104Un afar de convenzion;
Sanità, che ingiusto scialo
     Ti fa sempre de i to doni,
     Regalando ai brai el zalo
     108E le rose ai lasagnoni;
Manco zizza a dei fachini
     Che no ga che un bon gargato,
     Piu salute a inzegni fini
     112Come l'omo a nu rinato.
Cala in bota!1 che acuorada
     In sti zorni de marea
     Zigar mata per la strada
     116S'à sentìo madama Astrea:
Per sigilo de i mi guai
     Donca xe deciso in Cielo
     Che a far tera da bocai
     120Vada presto el mio modelo?
Donca Morte vol quel omo
     Che nel so mestier profondo
     Sa del Codice el gran tomo

  1. Continua l'apostrofe a la Sanità.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_8.djvu/53&oldid=62250"