Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 8.djvu/23

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Ma se dovese un de quei gusti aver
     Che descrive el poeta de Venosa,
     21M'entrerìa la campagna nel messer.
Pur tropo in una vale lagremosa
     Condusèmo la vita, e in mezo ai guai
     24Rara ne sponta del piacer la rosa.
Pur tropo, conseguenza dei pecai,
     El fior de zoventù presto va via
     27E semo da schinèle rovinai!
Che ara pur el so campo qualche arpia;
     Mì, nato Sibarita, in altro modo
     30Me piase coltivar filosofia.
Sior sì: son solo, e vado proprio in brodo;
     Son solo, e no go un'ora che me pesa;
     33Son solo, e magno e bevo e me la godo.
Go la casa de bando, e poca spesa
     Me basta per cavarme l'apetito,
     36Nè de vestirme ben go qua pretesa.
Dove xelo sto mato de romito?
     (M'interompe a sto passo el mio Spezier
     39Che de curiosità sente el prurito)
Lo vusto proprio, Ancilo mio, saver?
     Ma no dirlo a gnissun, gnanca al Furlan,1
     42Che in sto mistero ò messo el mio piacer.
Ne la celebre vila de Perlan,
     Che no pol un geografo ignorar,

  1. Amico di comune conoscenza, nativo di Udine.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_8.djvu/23&oldid=58973"