Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 8.djvu/14

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Come prima va cercando;
     La bandìa mendicità1
     68Torna fora e sta de bando.
Su l'ancuzene el martelo
     Più dal fravo no se pesta,
     Ogni artista varda el Cielo
     72Sfregolandose la testa.
El paron se avezza solo
     A servirse come el pol,
     Ai tragheti no fa nolo
     76E bestemia el barcariol.
Tase el foro, el magistrato,
     E ghe resta drento in gola
     Senza fruto a l'avocato
     80El bel don de la parola.
Ogni zorno, pien de fufa,
     El signor bate la luna;
     Col Governo el fa barufa
     84Per salvar la so fortuna.
No xe i bezzi che un augurio
     O d'imposta o de preson;
     E tra i Numi el Dio Mercurio2

  1. La mendicità fu bandita sotto i Francesi, ed i poveri chiedenti pane per le strade furono provvidamente raccolti in un luogo apposito.
  2. In compenso delle imposte forzose davano i Francesi, durante il blocco, partite di argento vivo in ipoteca.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_8.djvu/14&oldid=58375"