Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 8.djvu/103

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Ò butà l'ochio za
     Sul to unico fio:1
     L'è zovene, ma so che l'è un ometo,
     Lo vòi Governator, eco el Decreto.
     Da quel momento Imene
     Senza el fogo de Amor, ma co più sal,
     Scarabochiando un codice formal,
     El s'è messo a portada
     De dar a tanti mali una netada,
     In compagnia de lu
     Xe calada Virtù,
     E i omeni che più
     No se sognava de vardar in su
     À capìo che vardando sempre in zo
     Diferenza ne gh'è da lori al Bo.
     La puta vergognosa
     À butà fora del pudor la rosa;
     No la ga scielto a mazzo
     Per sola vogia de ubidir Natura,
     Ma co una fiama pura.
     Per opera d'Imene,
     La ga divinizà le so caene.
     S'à stabilìo d'acordo
     Ch'el lazzo d'Imeneo sia un lazzo forte
     Che no possa spezzar altro che morte.

  1. Imene, secondo alcuni, figlio di Apollo e Calliope, secondo altri, di Urania.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_8.djvu/103&oldid=55324"