Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/88

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     21Come fa i frati ne le Conclusion.
Apolo, che xe el re dei omenazzi,
     Porta la Fantasia; e la Memoria
     24Minerva la sostien coi pie, coi brazzi;
Ma Giove dise: Cossa xe sta istoria?
     Quietève che doman nel Tribunal
     27Vogio decider mi de la vitoria.
Alora con eviva universal
     Tuti ga fato aplauso a sto bel deto,
     30Fina Marte, quel dio tanto bestial!
Come in stecato al salto del toreto
     Se aspeta la sentenza tra do can,
     33Che ai paroni ghe bate el cuor in peto,
Cussì a sti Dei; ma sin che vien doman
     Tuti do se prepara a la difesa
     36Con Bartolo, con Baldo e Giustinian:
De i Numi tuto el resto, in sta contesa
     Chi tien da questo e chi da quel partio,
     39Secondo che la cosa vien intesa:
Venere, a spada trata porta el Dio,
     Che l'è omo, l'è belo, l'è poeta!
     42E po, per far dispeto a so marìo.
Marte, che no ghen dà una maledeta,
     El pare de le Muse el porta anch'elo
     45Per do parole de la moroseta.
Diana, a rason sostenta so fradelo;
     Cerere e Teti porta el Dio del zorno,
     48Insieme con Cupido, el bon putelo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/88&oldid=66265"