Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/69

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Padre, le mie proteste...”

Dove sei?
     Peppino, presto corri,
     Precedi sua Eccellenza per la scala...

895„Eh! no, no gh'è bisogno; cossa fala?”

Bacia dunque la mano a su' Eccellenza.

„Oibò! pezo! che diavolo!
     Oh! la mia riverenza.”

E la mia devozione a Vo-Eccellenza.

900E qua finisce la conversazion
     Del Padre Paralasse Fiorentin
     Col Plenipotenziario del Giapon.
     Mi mo me son fermà là su la piazza
     Mez'oreta de più,
     905E o visto quel che no l'à visto lu!
Ò visto quei tre mile Mandarini
     Stravacai panza-a-tera
     Su l'ampla scalinada
     Adorar la clemenza del Monarca!
     910Ò visto tuto 'l popolo
     Corer qua e là sul palco,
     Butar in mile pezzi

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/69&oldid=70029"