Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/64

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Patatunfete zo! piomba sul palco.
Se volta a quel fracasso Thulan-Kin;
     765Forsi chi 'l sa? credendo
     Che i ghe l'avesse za fata la festa
     Per dar l'ultima ochiada a la so testa!
Ma Kien-Long, che za no gera più Kien-Long,
     Che de l'indole fiera del lion
     770No s'aveva tegnù che la grandezza,
     La magnanimità,
     Ghe stava là d'intorno facendà
     A desvolzerghe zo de propria man
     Quele trentasie quarte de caena,
     775Che ghe infassava i brazzi co la schena.
     E agiutandolo in pressa a levar su:
     Torna nei to diriti, in libertà
     Tulan-Kin,
(el ghe dise), e sia per ora
     Compenso a le to angustie, a tanti afani
     780Sentirte a dir da la mia boca istessa:
     Che 'l solo reo son mi, ti l'inocente;
     Nè te ofendo de più col mio perdono!

E con trasporto tenero e decente
     Basà in fronte Ton-Kai torna sul trono.
785Saria intrigà dasseno se volesse
     Descriverve l'aplauso e l'esultanza
     De quel mezzo milion de spetatori;
     E pur gero presente! Oe cossa serve!
     Gh'ò visto mi proprio sui ochi a tuti
     790A bagolar per alegrezza i cuori.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/64&oldid=70024"