Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/50

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


No so, nè vòi saver, con quali forze
     Posso lotar col mio nemigo in campo;
     So, nè me vòi scordar, ch'ò zurà al Cielo,
     400Ch'oltre quel che l'interna sicurezza
     Da la giustizia Criminal esige,
     Una giozza de sangue Giaponese,
     Fina che regno mi, no bagnerìa
     La tera del Giapon per colpa mia.
     405E chi più reo de mi,
     Se al pacifico mezo
     De salvar tuto co la to destrezza,
     Per vanagloria preferisse quelo
     Che prepara l'oribile spetacolo
     410D'un monte de cadaveri,
     De gambe e teste rote?
     Se preferisse, digo,
     A l'arie da batelo, a le vilote,
     I gemiti, i lamenti
     415De le vedoe, de i orfani inocenti?
Ò za fissà: no vogio
     Crozzole, carestie, requisizion;
     Nè per dar sfogo ai fumi
     De la mia indigestion,
     420Ridur in fili da coverzer piaghe
     Le camise del popolo, le strazze:
     Vogio e spero da ti Marco la pace;
     Da ti che col to nome
     Ti me ricordi quel
Pax tibi Marce

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/50&oldid=70010"