Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/38

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Le manda al tempio a consultar l'Oracolo
     Per scielger una nova dinastia.
     Ma 'l fradelo de Utìa, che, coronando
     El so bel nevodin de dodes'ani,
     75Coltivava l'idea de manizar
     In nome soo la mescola imperial,
     Col mezzo d'un tortion a droghe d'oro,
     Cusinà in zeca per la sacra Lupa
     Del somo Sacerdote,
     80Che supiava drio l'idolo Fo-hy,
     À podesto otegnir, che a chiare note
     Rispondesse l'Oracolo cussì:

O la regia sembianza amplo lavacro
     È alla macchia del figlio, o la corregge
85Il diritto del padre al figlio sacro;
     Se natura parlò taccia la legge.


„Cinque o siecento Sanculò, che aveva
     Marendà co le fregole cascae
     Da quel tortion, no à mancà de sbragiar
     90Che donca un fio, che somegiava tanto
     Al so gran genitor,
     Gera l'unico, el vero sucessor.
Voltandose al ministro de l'altar,
     Co l'inocenza del Tartufo in viso,
     95Umilmente domanda Pantegan:
     Mio nevodo non ga donca più nei?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/38&oldid=69998"