Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/35

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



PARTE SECONDA.



Turùn-tun-tùn - Turùn-tuntùn-tùn.


Sugandose la boca
     Col tavagliol de seda sul balcon,
     „Oh! adesso mo, (diseva al Fiorentin
     El Plenipotenziario del Giapon)
     5Adesso credo mo che quel meschin
     Se vegna avicinando al so destin!
     Cossa disela Padre?”

Non ancora, Eccellenza, (el ghe risponde)
     Più lento e cupo il suono del tamburo
     10Non mancherà di darcene l'avviso;
     Or passa al tempio a far le preci estreme,
     E vi si tratterrà mezz'ora almeno.
     Potrebbe intanto, Vo-Eccellenza, veda,
     Se non le grava di soverchio... Scusi,
     15Ma sono impaziente
     Di sapere di qual fausta maniera...

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/35&oldid=69995"