Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/23

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Che a norma de l'aviso del mio autor
     415No consisteva che in casse e cassoni,
     Coli, bale e fagoti
     De spechi, pive, piavoli e subioti,
     E senza dragomani, nè sanseri,
     Ò vendù tuto, e me son guadagnà
     420Quasi 'l cento per un:”


Turun-tùn-tùn - turùn-tùn-tùn.



„Oh! xelo qua?”

Non ancora, eccellenza:
     Credo che passi adesso
     425Dinanzi a l'imperiale scuderìa;
     Dove è mancato a' vivi Brigliadoro;
     E lì, l'ordine equestre
     Onora co' suoi pianti...


„Eviva i mati! andemo pur avanti.
     430Fato ricon, m'ò comprà campi e case,
     Po me son maridà; ma, indispetìo
     De veder ostinada mia muger
     A storzerme ogni zorno un per de fusi
     A colpi de marteli giaponesi,
     435Ò tagià 'l matrimonio in cao sie mesi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/23&oldid=69985"