Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 5.djvu/99

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Oh se qua andemo pur de mal in pezo!
     275Metè da banda i ossi: cossa resta?
     Vu fe dezun, e 'l cagnolin fa festa.
Vardè che baronae!
     Vardè che matitae!
     Tanto darghe a le bestie quanto ai omeni!
     280La Zuca no che no fa sti spropositi:
     Spendo un traro, e sto traro è tuto mio;
     Spendo un ducato, e 'l magno tuto mi;
     So quel che compro, e co la xe cussì
     Dopo che go comprà no pago el fio.
285La Zuca no ga ossi, e no ga spini,
     No la xe dura, no la xe panada,
     No la xe seca, nè destemperada,
     No la spuzza da lispio; al fin dei fini
     La ga el color de l'oro, e tanto basta.
290Mo che gran bona pasta!
     Perchè no nassistu
     Solo in America?
     Che sior Vespucio
     Su più de un Codice
     295Te farìa celebre,
     E vederessimo
     Sora l'Oceano
     Drio del to merito
     Corer intrepide
     300Nave e Trabacoli
     Del Turco barbaro,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_5.djvu/99&oldid=62192"