Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 5.djvu/71

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     I va coti in sta maniera,
     220Ma perchè po’ i fazza efeto
     No saria gnente una dozena intiera,
     Ghen vol almanco do:
     Sì; vintiquatro Osei,
     Co no i xe più che bei,
     Ogni poco de panza
     Che gabia quelo che li vol magnar
     Per medicina i stentarà a operar.
Mi lo provo
     Co me trovo
     230Co una panza cussì piena;
     Che dal peso per portarla
     La me fà doler la schena.
     La me toca za sta cossa,
     La me tocca molto spesso.
     Vardè, adesso
     Ghe saria certi minchioni
     Che ga in testa de le rane,
     Che no magnarìa gnanca do boconi:
     Ma mi gnente; è giusto alora
     240Che ghen magno assae de più,
     Perchè i fazza megio efeto.
S'à da dar mo per dispeto,
     Che a magnarghene ogni zorno
     Go el mio stomego avezzà.
     Za le sa
     Se se avezza anca al velen;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_5.djvu/71&oldid=62167"