Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 5.djvu/18

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Che se ancuo i ve crede Omero
     Vivo e vero,
     290Co in sto Pindo vu sarè,
     E che indosso gavarè
     No chitare, no lironi,
     Ma do grossi e bei fiasconi,
     Uno in panza e l'altro al colo,
     295Sarè alora el vero Apolo.
Pare Bepo,1 pare, sana,
     Via, mainè quela Tartana,
     Voltè bordo, e vegnì a tera,
     Ma vegnì col vostro Baco,
     300Che za credo stufo e straco
     De far guera in mezzo al mar:
     Via, vegnilo a restorar.
     Varenta vu che al son de sto bocal
     Ghe torna tuti i spiriti a capitolo,
     305E dopo aver bevuo tre quatro sessole
     De sto Vinon che 'l centopezzi imbalsema;
     El ghe reniova un prendese badial
     Al vostro Abate Costa inanzolao,
     Che anca da mi de cuor xe saludao...
310Cossa xe? corte bandìa!
     No voi gnente, portè via...
     Pan de Spagna? diomelibera!

  1. Il dottor Giuseppe Menegazzi amico dell'autore, alludendo al suo ditirambo il Bacco in mare.