Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 5.djvu/16

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


    Che fra Lori e i so' gran meriti,
     Se volesse nominarveli
     Resterìa senza polmoni:
     Viva tuti i me Paroni.
240Viva, viva i Veneziani,
     I me cari Patrioti,
     Grandi e picoli,
     Vechi e zoveni,
     Done e Omeni,
     245Zentilomeni,
     Galantomeni,1
     Poveromeni,
     Castelani e Nicoloti,2
     Viva tuti i Veneziani,
     250I me cari Patrioti.
Via de qua malinconia,
     Bruta striga, va pur via:
     Se me casca adosso el mondo
     Mi, fradei, no me confondo;
     255E co un goto de sto Vin
     Sfido el diamberne e 'l destin.
Co sto Vin xe puro e mero,
     Col xe fato a tempo giusto,
     El riesee tanto fiero,

  1. Voce che in Venezia nota il ceto medio.
  2. Il Popolo di Venezia suole dividersi in due corpi, quello de' Castellani, abitanti nel sestiere di Castello, e quello de' Nicolotti abitanti in quello di S. Niccolò.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_5.djvu/16&oldid=55379"