Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 5.djvu/14

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     185E falir le Spiciarie
     Co le so potachiarie...
     Ma tasè, che gh'è un remedio,
     Che non posso disprezzarvelo;
     Questo xe 'l Cremor de tartaro.
     190Mi per altro mai nol dopero;
     Ma sapiè, che sior Domenego,
     El me caro cugnadin,
     M'à zurà perdìo bachissimo,
     Che 'l xe un sal cavà dal Vin.
195Oe, disè, quel Vin negron
     Xelo fursi del Stradon?1
     Si, per dia! l'è lu, l'è lu;
     Sielo tanto ben vegnù!
     Xe cent'ani che l'aspeto...
     200Benedeto,
     Benedeto,
     Benedeto
     Ti, e la mama che t'à fato!
     Mi son mato per sto Vin:
     205Coresin, vien qua, vien qua...
     Sì, caro, sì,
     Sì, fra ti e mi
     Feghimo un prindese
     Stracordialissimo,

  1. Pezzo di Terreno dalla sua figura così nominato, che produce il Friularo dell'ultima perfezione.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_5.djvu/14&oldid=55371"