Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 5.djvu/12

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Gh’è ’l remedio general,
     130Gh'è 'l cordial el più potente,
     Gh'è la droga più valente,
     La più rara decozion,
     La più scielta confezion,
     L'elisir el più divin...
     135A le curte, gh' è sto Vin.
Mo, no xelo un gusto mato
     A svodar sti bozzoncini?
     Via de qua sti gotesini,
     Sti cosseti da Moscato:
     140Questa è roba da amalai;
     Mi per mi no i toco mai,
     Bevo sempre col bocal,
     E mai mal, e mai dolori...
     Sì, Signori, domandèlo,
     145Sempre belo come un fior
     Me mantegno,
     Me sostegno
     Tuto spirito e vigor.
Cossa feu che no bevè?
     150Si a la fè che vago in colera!
     Via, sentilo co prezioso,
     Co odoroso!
     No gh'è gnente che ghe possa;
     Anca el Cipro xe gustoso,
     155Ma el me fa la lengua grossa.
     Bevè pur la Malvasia,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_5.djvu/12&oldid=55369"