Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/94

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LXXXII


Bel veder Nina che in zardin spassiza
     E al Sol dei Cavei sciolti pompa fa,
     Che movendose par che i ghe lampiza,
     4Tanto cresse quel bel lustro che i ga!

Par la so testa un campo a mezo istà
     Che tuto pien de spighe al Sol biondiza,
     Che se d'arieta gh'è una bava, un fià,
     8De posta come 'l mar par che le ondiza.

Ma più bel veder quel che mi go visto,
     Tante volte l'istesso Sol restar,
     11E in faza stramortirseghe e confonderse;

E come vinto, vergognoso e tristo,
     A paragon per no poderghe star,
     14Fra le nuvole in pressa andar a sconderse.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_4.djvu/94&oldid=62123"