Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/26

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XIV


Nuda le spale, sgrendenà el topè
     D'Amor la bela Mare desperà,
     So Fio pianzendo la cercava, che
     4Da molti dì ghe gera via scampà.

Mi che go un cuor che pochi ghe ne xe,
     Pensè, se la me fava, oh Dio! pecà;
     Me son messo a cercarlo; indovinè?
     8Infin ghe son riussìo, ghe l'ò catà.

El se gera andà a sconderse colù
     Tra le Drezze de Nina, e là cussì
     11El se la sbabazzava che mai più.

Volea chiaparlo per na man. Sentì
     Cossa mo ghe fà 'l becofotù?
     14No me galo tirà drento anca mi!