Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/124

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Ti geri più stimada d'una zogia;
     50Tuti te gera drio
     Come la mare al fio,
     E ancuo no ghe xe un can che più te vogia,
     Tuti te manda al bogia
     In compagnia de tuta la to razza,
     55Nè gh'è chi no te oltragia e te strapazza.
Che colpa xe la toa? coss'astu fato,
     Povera desgraziada?
     Gnente, se dise, Sior, ma gnente afato;
     Vechia son deventada,
     60Piena de dogie e piena de schinele;
     Questi xe i mj pecai...
     Co se xe vechie, guai!
     Parlo con vu altre done fresche e bele;
     Godève pur, sorele,
     65Tegnive in bon; ma vegnirà quel dì
     Che incontrarè la sorte che go mi.