Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 2.djvu/36

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA VERITÀ


Vien dito ch'el Dio Celo,
     O un'altro che ghe gera
     Che à fabricà la tera,
     I pianeti, e le stele,
     5E tute st'altre cosse o brute o bele,
     (Fra le quali gh'è l'omo,
     Che per parlar sincero xe un gran tomo)
     L'avesse anca creà
     Certe Divinità,
     10E fra le altre una tal,
     Che 'l gavea messo nome Verità.
     Questa doveva el mondo iluminar,
     L'ordine conservar,
     Assister i mortali,
     15E far ch'ogni creatura
     Facesse in sto teatro,
     Per quanto che se pol, bona figura.
     Le xe vegnue qua in tera

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_2.djvu/36&oldid=69778"