Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/99

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'OSSESSA


Una fia d'un vilan, che no gaveva
     Che disdoto vint'ani, alquanto bela
     Ma un pochetin sempieta,
     Patìa le convulsion, e povereta
     5Co ghe vegniva el mal ela faceva
     Dei moti convulsivi e stravaganti
     Che meteva paura ai circostanti.
In un dì del so' mal, disea sti tai:
     Questi è moti da veri indemoniai;
     10Oh povera putela
     La fa pecà: vardèla
     Se no l'è spiritada?
     Senz'altro sta ragazza è indemoniada.
Oh come la se trà
     15Meschina qua e de là!
     Come la ciga forte!
     La ga le carne morte,
     Ossessa l'è sicuro,
     La dà la testa al muro,
     20La fa mile sberlefi:
     Oh Dio, che bruti cefi!
     Sentì... La se lamenta:
     Un diavolo seguro la tormenta.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/99&oldid=69756"