Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/87

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


V. CANZONETTA


Mai più no vogio femene
     Tratar in avegnir;
     Le ò conossue per pratica,
     E tropo delirante
     Ò avudo da sofrir
     Straniezze tante.
Vedo in ancuo benissimo
     Come in amor fortuna
     Ghe vol, più assae che meriti;
     E i poveri Poeti
     Mai no ghe n'à nissuna,
     I xe negleti.
Ò fato ogni ppssibile
     Per cativarme el cuor
     De qualche dona amabile,
     Ma sempre fiasco ò fato.
     Ergo per far l'amor
     Mi no son nato.
Per quanto che m'esamina
     No so d'aver pecai.
     Sempre costante e ingenuo
     Ò conservà el mio afeto,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/87&oldid=69746"