Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/83

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Ma la fortuna è instabile;
     Nè dura sempre el ben,
     E no vorìa che 'l netare
     28Cambiasse po in velen.
Temo che ancora l'anima,
     Cara Nineta mia,
     Come ti vanti, libera
     32Del tuto, oimè! no sia;
Temo un amor residuo
     De quel che ancuo ti abori,
     Perchè a parlar ti esageri
     36Co' d'elo ti discori.
Nineta, no te ofender
     De sto mio gran sospeto,
     Perchè el timor de perderte
     40Xe prova del mio afeto;
E quel amor conservime
     Che ti me mostri adesso,
     Che mì, cara mia cocola,
     44Co tì farò l'istesso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/83&oldid=69742"