Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/78

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     E ò visto con genio
     24Che assae l'era bela.
M'à piasso l'amabile
     Grazioso so' far,
     M'à piasso el melifluo
     28So' dolce parlar.
Ah sì! senza dubio,
     Cupido xe questo
     El qual con insidia
     32Colpir m'à volesto.
Epur gera solito
     Vantarme che Amor
     No à mai possù iluder
     36El sciolto mio cuor.
Aimè! tropo incauto
     Vantava sto ben;
     E lu, tuto invidia,
     40M'à dà sto velen;
Velen che ne l'anema
     Me dà gran tormento,
     E sempre più a cresser,
     44Meschin, me lo sento!
Con ela trovandome
     El sangue m'impizzo,
     Patisso a no vederla,
     48M'arabio, m'istizzo;
Oh Dio! se la barbara
     No sente pietà,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/78&oldid=69737"