Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/76

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


INVOCAZIONE



O musa, tu che di caduchi allori
     Non circondi la fronte in Elicona,
     Ma che sempre ti è stada mia parona
     4Impartindome spesso i to' favori;

Le donne, i cavalier, l'armi, gli amori,
     Per acquistar d'aloro una corona
     Mi no vogio cantar, bensì a la bona,
     8Un Soneto acozzar senza suori.

Dame donca el to agiuto sta matina
     Aciò possa sortir da l'imbarazzo,
     11Che in saco mì no go tanta farina.

Perchè ti à da saver che conto fazzo
     De lodar sior Girolamo Sorina,
     14Nè se sa cossa dir d'un vis...

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/76&oldid=69735"