Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/62

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Quante povere Pute
     Le incontra in dei Marii
     Che i se chiama pentii,
                    136E de che sorte!
E a la grama Consorte
     I te ghe volta quelo,
     E i cerca del bordelo
                    140In altra parte.
Con altre i fa le carte,
     Se ben i è maridai,
     E la Mugier sta in guai,
                    144Sospiri e pianti.
Oh quanti mai, oh quanti,
     La note i le carezza,
     E 'l dì co indiscretezza
                    148I le strapazza!
Quanti avari de razza
     Per no spenderghe e farghe,
     I lassarìa mostrarghe
                    152In fin el Q!
E qualche turlulu
     Che zelosìa po ga,
     Sempre ghe sta tacà
                    156Soto le cotole.
Queste no le xe frotole:
     Perchè vòi che sapiè,
     Che de tristi ghe n'è
                    160Più che de boni.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/62&oldid=69726"