Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/126

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA FORMICA


Un Pare coregeva el proprio Fio,
     El qual a altro atento, che badar
     A le paterne voci, gera drio
     4Le Formigole in tera a numerar.

Cossa pensistu, à dito el Pare, mai?
     Vedendolo aplicà coi ochi a tera?
     Te vergognistu sì dei to' pecai?
     8E ga risposto el Fiol, ilare in ciera:

Stava, sior Pare mio, pensando suso,
     Che una sola Formigola che drento
     Fusse entrada co l'altre là in quel buso,
     12La vegniva a formar le cinquecento.

Ben da questo se pol la deduzion
     Formar, quanto che i Pari sia ascoltai
     Dai Fioi, quando i ghe fa la corezion,
     16Dal paterno so' amor infervorai.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/126&oldid=69706"