Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/111

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


IL PAPAGALLO


Aveva un Papagà
     Una Dona comprà,
     E questo ghe servìa
     4De distrazion qualche ora e compagnìa.
Col tempo gera bon
     La lo tegnìa al balcon,
     E ripeter la ghe fava
     8Quele parole che la ghe insegnava.
Un Medego passava
     In quelo che insegnava
     Al picolo anemal
     12Parole, giusto el solito, sta tal.
Ti è beco, ghe disea
     La Dona; e ripetea,
     Ti è beco, el Papagà:
     16E 'l Medego a sentirlo s'è fermà.
Vedendo ela el Dotor
     Fermà, ridea de cuor,
     Pensando ch'el credesse,
     20Che a lu el so Papagà, beco disesse.
El Medego mo acorto,
     De questo s'è inacorto,
     E co le quiete alora
     24À dito francamente a la Signora:

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/111&oldid=69691"