Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/10

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


    Varè là el Frutariol, varè là el Gua;
    Che tuti do' se fa le mile crose
    Che la vaga el davanti cussì nua,
    Uh povera petazza!
    25Uh povera petegola monzùa!
    Povera sporca, povera frascona;
    E se mi fusse un omo
    Ghe voràve dir quel che finisse in ona:
        No la par più la gramazza
            30Che una volta se vedeva
            Sbrindolosa andar per Piazza
            A cercar la carità.
            Chi diria che la xe quela
            Che quel dì che la viveva
            35De polenta e de sardela
            Gera gran solenità?
Epur xe vero, epur no le xe fiabe,
    Tute l'à cognossua, tute saveva
    Cossa che la magnava e la beveva;
    40E adesso? adesso la xe una Damòna,
    La xe più che lustrissima; la magna
    Sempre boca che vustu,
    E la va a spasso, e la vive d'intrada,
    E la lassa che diga la Contrada.
    45La ga le zelosìe
    Depente verdoline
    Co i so' cussìnoni
    Butai fora ogni zorno dai balconi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/10&oldid=61962"