Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/74

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Se i vede qualche Venere barona,
     D'un lascivo penel pazzìa che toca,
     Mi credo che ghe vegna l'aqua in boca
     132Bastante a rinfrescar Piazza Naona.
I loda col disegno la figura,
     La proporzion, la mina, el viso, el peto,
     E un'estasi che vien da impuro afeto,
     136Onora più de l'arte la Natura.
Dopo la sbabazzada a panza piena,
     De l'Ipocrita fin massima infame,
     I dise, che l'autor merita fiame,
     140E che ricerca l'opera ugual pena;
Malan che Dio ghe dia! quest'è un schiamazzo
     Da farse a prima vista dei colori,
     E no sfogar el zelo da Censori
     144Forsi dopo d'aver la copia a sguazzo.
Chi vol sentir a mormorar con frase
     Ascolti de l'Ipocrita i Sermoni,
     Consideri el parlar dei Bachetoni,
     148Cigale de Pluton che mai no tase.
I à certe bizarìe che toca l'osso,
     E presto i fa d'un Santo un Anticristo,
     Nè forfe, nè sartori el mondo à visto
     152Che sapia tagiar megio i pani adosso.
I dise: Quela è un viso da sforzada,
     Quel altro vive a spale de l'amiga,
     Quel tal xe pien de bezzi e nol sfadiga,
     156Qualche ziogo de man serve d'entrada;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/74&oldid=66433"