Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/62

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     E senza radeghi
     12No gh'è nissun.
Se se' dificili
     Ne fe' dispeto,
     Se tropo facili
     Perdè el conceto,
     No gh'è giustizia,
     18No gh'è perdon.
Chi sente i omeni:
     La Dona è dano,
     I sarìa anzoli
     Senza sto afano,
     Vu d'ogni vizio
     24Se' l'ocasion.
Donete amabili,
     Lassè che i diga,
     Vedo che 'l diavolo
     Però i castiga,
     E ch'i ve spasema
     30D'intorno ognun,
Sto gran discredito
     Però no i sana,
     Tute ste smanie
     No li lontana,
     Con tuto st'odio
     36No stè a dezun.
Ah chi ve carica
     De tante acuse

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/62&oldid=69662"