Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/45

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     270Ma nol saveva, che la Dama spesso
     Fa andar la testa atorzio a chi ghe tende,
     E fa spesso scordar i so' doveri
     A la Toga, a la Spada, al Colarin?
Quando el Soldà visto à la Forca voda,
     275Se' morto, l'à cigà; morto, e fenìo.
     Subito desparà l'è corso, e tuto
     El gran caso a la Dama el ghe conta,
     Disendoghe: No posso viver più,
     Dama, mi son seguro de morir
     280Doman per man del Bogia in vista a vu,
     E quà sarò picà per quel Picà
     Portà via dai parenti e sepelìo;
     Onde, in sto ponto, con sta spada, è megio
     Che qua me passa el cuor, e che finissa
     285Senza infamia la vita, e che castiga
     Adesso el falo mio senza del Bogia.
     Su, cara Dama, su, cara Matrona,
     Per pietà deme un sito, deme un buso
     Vicin al Senator vostro Marìo;
     290Sì, sì, gran Dama, sì, anema mia,
     Se avè pietà de mi e amor in peto,
     E se grata me sè per tanti spasemi
     E per la morte che me dago adesso
     Per amor vostro e mio, via presto presto
     295Preparème una fossa, e disponève
     A pianzer col Marìo anca el Moroso
     Che la vita v'à dà per tuti i versi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/45&oldid=69651"