Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/39

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     (Cognossuda per Dama, e de che pegola!
     Al viso, a l'andriè, al portamento)
     Cussì lu gh'à parlà umanamente
     105E pien de carità! Dama, gran Dama,
     Lassè l'afano, la tristezza, el pianto
     Per el morto Marìo; perchè ve zuro
     Sul mio fusil e su sta spada ancora
     Che niente giova e mai no gioverà
     110Le lagrime, i singiozzi, i cighi, i urli,
     I pugni in sen e l'ongie in le baise
     De chi vive per l'aneme dei morti;
     E po' sapiè, carissima mia Dama,
     Che la morte xe certa per chi vive,
     115Che la morte xe el fin de tuto quanto
     E che 'l sepolcro xe l'ultima camera.
     Via, metè in pase el cuor, e metè in ordene
     El cervelo, gran Dama.
In sta maniera
     Gh'à parlà quel Soldà tanto pietoso,
     120E tuto lu gh'à dito quel che pol
     Iluminar la mente rebaltada
     Dei mati Vivi per i Morti sordi.
     Ma sta gran Dama, che consolazion
     No voleva sentir d'alcuna sorte,
     125Più indiavolada e inferocìa che mai
     Contro se stessa s'à strazzà d'atorno
     L'andriè vedovil, e po' sta furia
     S'à despiantà el cignon e le bandete
     E sul muso al Marìo tuto à butà.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/39&oldid=69645"