Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/28

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL RIDOTTO DI VENEZIA


SONETTO


Ridoto! Tempio de Fortuna e Amor,
    Dove l'Omo che vanta la razon
    Va a tributar (opresso de ilusion)
    4Oro, salute, vita, quiete, onor.
Dal tempo e da l'uman continuo eror,
    Da la social viziosa convulsion
    Ti geri per crolar, Tempio epulon,
    8Ma 'l vizio xe che te sostenta ognor.
Ti è tornà più superbo; Amor e Sorte
    Ti à visto a l'are; su quel'are ognora
    11Quante vitime, oh Dio, spiranti e morte!
Ma 'l Patriotismo che respira ancora,
    Ma la Virtù, del Vizio assae più forte,
    14Te manda alfin Domenega in malora.
                    Venezia aplaude a st'ora:
    Oh assae più de Solon, Licurgo, e Romolo
    17Do Alvise, un Piero, un Lodovico, un Momolo!1

  1. Alvise Emo, Alvise Zen, Pietro Barbarigo, Lodovico Flangini, Girolamo Zulian, cinque Correttori delle Leggi.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/28&oldid=69634"