Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/14

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AI CORRETTORI DELLA REPUBBLICA


Se tornasse a sto mondo
     E Licurgo e Solon,
     E tuti i sete Savj de la Grecia
     I resterìa a la fè tanti cocali
     5Volendo riformar ancuo Venezia!
     L'è andada sta Cità;
     Sta Republica alfin
     Più de tute à durà.
     Co l'abito xe vechio
     10Nol se rinova più,
     D'una velada se fa camisiola,
     De questa le braghesse,
     (E in braghesse, perdìa, semo ridotti!)
     E quando le xe rote
     15Se mete dei taconi,
     Se dà bei dei pontini
     Per no mostrar el cul e i balotini.
     De più no se pol far,
     Dio solo xe capace de crear.
     20Co i vizj à sotomesso le virtù
     No gh'è rimedio più.
     La gola, el lusso, la lussuria e l'ozio
     Trionfa in sta Venezia,
     E a coregerla ben l'è una facezia.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/14&oldid=69479"