Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/102

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Che sta storia - ti a memoria
     76Ti la sa megio de mi.
Ti à talento, - e se 'l Convento
     Sta lezion no t'à insegnà,
     Ti lezendo - e rifletendo
     80Da to' posta ti la sa.
Sì perdia, - mi sbregherìa
     Quel che ò scrito... e alora po'?
     Sta zornada - xe cantada
     84Da tant'altri. E taserò?
No, no vogio; - e po' no sogio
     Quanto bona ti xe ti?
     Ti xe bona - e ben, perdona
     88Se ò mal dito, a dir cussì;
Anzi aceta - Camileta,
     Anca el voto del mio cuor.
     Che i to' ani - senza afani
     92Scora in brazzo de l'Amor!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/102&oldid=69622"