Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/100

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Che mi, Sposa, - d'una cosa
     20Sola e curta parlarò.
Se stimada - sempre e amada
     I to dì ti vol passar,
     Da ti stessa - date pressa
     24I to' debiti a pagar.
Le persone - che xe bone
     Le xe atente a sto dover;
     Xe inonesto - a ognun molesto
     28Chi no paga chi à da aver.
Ti sbufoni? - ti minchioni
     Chi per ben t'à consegià?
     Pur l'è vera! - su la Tera
     32Vari debiti se dà.
No te ofendo - che no intendo
     Bezzi o zogo ricordar.
     Quei, oimei! - xe mo de quei
     36Che mi sì me fa zurlar.
Ma ti dona - ti, Parona,
     Ti un dì Mare, e ancuo Mugier,
     Quai doveri! - e quanto seri
     40Ai to' zorni ti à da aver!
Dona e Dama? - aquista fama
     De bon cuor, de urbanità
     Co un contegno - de ti degno
     44Senza asprezza o vanità.
Ti Parona? - Siime bona
     Con chi serve note e dì,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/100&oldid=69620"