Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 10.djvu/53

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


I


Prima d’entrar ne la materia, son
     In una indispensabile e precisa
     3Necessità de domandar perdon,
Se portando anca mi quela divisa
     Scolpìda in fronte, e impressa nel mio peto,
     6Che da sta stola no à da andar divisa,
Ardisso comparir ancuo al cospeto
     De questo ecelentissimo Senato
     9Per tratar d’un gravissimo sogeto,
Che vol sui mii principj e sul mio dato,
     Che abia a Vostre Zelenze a domandar
     12Cossa le intende per Razon de Stato.
Mi no son qua a far pompa, nè a vantar
     L’erudizion de quei che à lassà scriti
     15I moltissimi modi de pensar
Sul gran ponto dei Publici Diriti,
     E che i Prencipi ancuo tuti à impegnà
     18A publicar tanti diversi Editi.
A mi par che i confini abia passà
     La Republica sola nel Politico
     21Fra tuti quei de la Cristianità;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_10.djvu/53&oldid=65887"