Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 1.djvu/67

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Pascolerò le piegore,
     Ma vederò Nineta,
     Vederò l'erbe, i alberi,
     132E col mio ben sarò:
Sarò più povereto,
     No magnerò ogni zorno
     Menestra, carne, intingolo,
     Ma sarò manco storno;
     La testa qua va in fregole,
     138E no se pol star ben;
Adio, Nineta bela,
     Da qua do setimane
     Sarò co ti; a revederse
     Sul pra de le fontane.
     Conservime sta Letera,
     144Scondila in mezzo al sen.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_1.djvu/67&oldid=69611"