Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 1.djvu/35

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     La situazion de l'anema,
     20Cussì m'ò messo a dir:
Questa è quel'acqua limpida
     Che semo andai ti e mi
     A scaturar i gamberi;
     24No è vero?
e Silvia: — .
E là, da drio quei alberi
     Che la se va a stagnar,
     Xe dove che quel'anera
     28Ti m'à mandà a chiapar;
Che tropo cocolandola
     Tanta gran rabia ò bù,
     Che voleva mazzartela...
     32Te recordistu più?
Che dopo benedivimo
     Le colere d'amor,
     Che in dò nu no sentivimo
     36Che un'anema, che un cuor?
I gran momenti, Silvia!
     Ch'i n'abia più a tornar?

     Ela un'ochiada tenera
     40Lassa su mi cascar.
Alora strucolandoghe
     La man, digo: Mio ben,
     Come in quei dì, assicurite,
     44Arde per ti sto sen;
Ma ti?... Quele to' lagreme
     Voriele forsi dir,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_1.djvu/35&oldid=69580"